Home arrow Indice arrow Anno I Numero I La Legge Della Salute
Menu
Home
Biografia
Credits
News Salute
Indice
Link
Cerca
English
Pubblicazioni

Saggio: Gli Stress Psichici Causa Di Tutte Le Malattie 1970

Libro: Medicina Anno Zero 1983

Periodico: La Medicina Dell'Avvenire 1980-1988

Stampa

 
Hanno scritto di lui

English

english_medicina.jpg 

Biography
Psychic Stress The Cause of all Diseases 1970

Partners
Scuola Interiore
Canti Popolari

Anno I Numero I La Legge Della Salute
La Medicina Dell Avvenire
Indice articoli
Anno I Numero I La Legge Della Salute
Formulazione Della Legge
Origini Della Legge
Prove a Favore
Conseguenze
 

 

 

 

 

Conseguenze

Sono di portata incalcolabile, sia per la salute umana sia per gli ordinamenti so­ciali, le implicazioni derivanti dalla teoria degli stress psichici. Per motivi di spazio se ne elencano solo alcune. L'argomento verrà ripreso e ampliato nei numeri suc­cessivi:

1° - Conoscendone le cause psicologi­che diventa più facile e più razionale la prevenzione e la cura delle malattie. Di conseguenza non c'è alcuna malattia in­guaribile: basta eliminarne la causa «psi­cologica».

2° - Vengono chiariti i perché dell'inefficacia e della nocività di quasi tutta la terapia chimica. Se una malattia provocata da cause psichiche, può guarire solo con una psicoterapia o con favorevo­li situazioni o motivazioni psicologiche.

3° - Risultano false e deludenti le ri­cerche, gli studi e gli esperimenti (fatti in vitro e in vivo, sia sugli animali sia sull'uomo), non solo per scoprire una causa fisica o chimica (ossia esteriore all'uomo) di una malattia; ma anche per dimostrare l'efficacia dei medicinali e la nocività o meno di una sostanza.

4° - Necessità «scientifica» di elimina­re o attenuare le cause di stress (ingiusti e incongrui ordinamenti sociali, la disoccu­pazione, la violenza tra stati, tra colletti­vita, tra individui; la discriminazione ecc.).

Migliorare i metodi educativi nelle fa­miglie, nelle scuole, ecc.

5° - Nell'individuo: correggere, con un accurata educazione psicologica, l'er­rato atteggiamento mentale in modo che si riesca ad affrontare, senza subirne dan­no, gli inevitabili stress dell'esistenza. Per questo scopo sarebbe utile, tenendo pre­sente la verità della «legge», utilizzare tutti i potenti mezzi di comunicazione oggi esistenti, praticare una specie di esorci­smo di massa, allo scopo di decondiziona­re la nostra mente (consapevole e incon­scia) dalle innumerevoli errate convinzio­ni sulle cause delle malattie propinateci attraverso i secoli.

6° - Ridimensionare la somministra­zione dei medicinali, la cui efficacia è per lo più solo sintomatica, palliativa. Talora è sostitutiva di sostanze che il nostro orga­nismo, in condizioni anormali, cessa di produrre.

7° - La conoscenza delle cause psichi­che delle malattie consente di effettuare una prevenzione scientifica ed efficace dal concepimento fino alla più tarda età.

Per effetto di tale prevenzione si do­vrebbe in non molto tempo giungere a una situazione in cui la salute sarà la normalità, e la malattia un evento ecceziona­le, come del resto si verifica negli altri ani­mali.

L'uomo ha finora usato la sua meravi­gliosa intelligenza per ammalarsi e per au­todistruggersi. Tenendo conto della teoria degli stress psichici, l’individuo potrà finalmente diventare padrone del proprio corpo e del proprio spirito.

8° - L'organizzazione sanitaria dovrà tener conto che il cardine della prevenzio­ne, della cura e della riabilitazione sta nel­la Psicoterapia in senso lato. Di ciò si dovrã tener conto sia nella facoltà di medici­na sia nelle scuole di specializzazione e per l'aggiornamento psicologico di tutti gli operatori sanitari.

9° - Gli specialisti sono da considera­re, non superdottori o scienziati, ma dei «tecnici degli organi», non degli artigiani più o meno competenti, ma dei veri «arti­sti» preparati e geniali, con il quasi divino compito di rimediare alle alterazioni irre­versibili e gravi provocate dai traumi e dalle malattie. Essi potranno servirsi effi­cacemente delle apparecchiature sofisticate e complesse del tecnicismo medico (uno dei pochi «mattoni» validi dell'attuale medicina, da migliorare e da utilizzare per la medicina dell'avvenire).

Tenendo conto di questa Legge, si po­trà più facilmente progredire nella «cono­scenza dell'uomo», che è il presupposto per accelerarne l'evoluzione.

Per questa via (più che col progresso tecnico, col maneggio artificiale dei geni, con l'uomo in provetta, con le banche de­gli organi e dei semi) sarà più facile, pur con varietà e differenziazioni sempre pre­senti in natura, lo spontaneo sorgere del sempre vagheggiato superuomo.