Home arrow Medicina Anno Zero arrow Capitolo VIII - Nevrosi e Malattie Mentali
Menu
Home
Biografia
Credits
News Salute
Indice
Link
Cerca
English
Pubblicazioni

Saggio: Gli Stress Psichici Causa Di Tutte Le Malattie 1970

Libro: Medicina Anno Zero 1983

Periodico: La Medicina Dell'Avvenire 1980-1988

Stampa

 
Hanno scritto di lui

English

english_medicina.jpg 

Biography
Psychic Stress The Cause of all Diseases 1970

Partners
Scuola Interiore
Canti Popolari

Capitolo VIII - Nevrosi e Malattie Mentali
Indice articoli
Capitolo VIII - Nevrosi e Malattie Mentali
Cause biochimiche, biologiche e genetiche?
Centralita dei fattori psichici
Quali i rimedi?
Casi risolti con l ipnoterapia
Droga, problema politico, sociale e medico
Malattie mentali
Lavoro e allegria
 
 
 
 
 
 
 
 

Malattie mentali: Il problema dei malati mentali, la cui situazione era terrificante e assurdamente vergognosa fino a questi ultimi decenni, venne almeno in parte risolto in seguito alla rivoluzione psichiatrica operata nel manicomio di Gorizia da Franco Basaglia e dai suoi valorosi collaboratori.
Non sarebbe sufficiente l'inno di un grande poeta per lodare abbastanza ed esaltare l'opera di Franco Basaglia che con la sua équipe e con l'appoggio di gruppi di medici animati da un generoso idealismo, riuscì, nel manicomio di Gorizia da lui diretto, ad operare quella meravigliosa rivoluzione, consistente nella completa liberazione dei malati di mente, che con l'amore, un'infinita pazienza e una completa dedizione, furono messi quasi tutti nelle condizioni di potere essere reinseriti, dopo lunghi periodi di oscura, assurda; allucinante segregazione, nelle famiglie e nel lavoro.
Il Basaglia dovette superare molti contrasti e difficoltà. Venne anche estromesso dalla direzione dell'Ospedale di Gorizia per vario tempo. Riuscì ugualmente a far trionfare le sue idee. Con l'approvazione della legge 180, la liberazione dei malati di mente e la guarigione della maggior parte di essi poté diventare una realtà. Riuscì a fare in modo che quella che la vecchia psichiatria (fine a se stessa e chiusa nei medioevali concetti e nel proprio illimitato e cieco egoismo) definiva un'assurda fantasiosa utopia, diventasse una luminosa realtà. Egli, Franco Basaglia, è morto innanzi tempo, si può ben dire ucciso dai continui gravi traumi psichici procuratigli dai suoi interessati nemici e detrattori. Sarà tuttavia considerato sempre uno dei maggiori benefattori dell'umanità, eroe e martire del dovere e dell'infinito amore per il prossimo.
Rimane tuttavia la sua indelebile impronta e la vittoria dei suoi ideali nella legge 180, contro la quale si accaniscono ancora i residui retrivi della vecchia psichiatria, e nei sette Centri di Igiene Mentale di Gorizia, in particolare in quello di Barcola, esempio pilota dove i pazienti, medici e paramedici, vivono e operano in perfetta armonia: Il modello di Barcola contribuirà a migliorare le condizioni dei malati di mente d' Italia e del mondo, con un costo molto inferiore a quello dei manicomi di vecchia esecrata memoria. Se ancora continuano a verificarsi frequenti drammi e inconvenienti a causa dell'abolizione dei manicomi, ciò avviene per l'insipienza e la colpevole trascuratezza dei politici e delle alte gerarchie sanitarie che non sono stati capaci dopo molti anni, di realizzare la seconda parte della legge 180, attuata finora solo nella città di Gorizia.
Non ci sarebbe bisogno di dire che anche la straordinaria opera di Basaglia è una chiara dimostrazione della Legge della Salute. Le malattie mentali (come del resto era noto anche in passato) vengono provocate dalle famiglie scombinate e disadattate e da errati metodi di educazione e di insegnamento. Sono perciò guarite con l'amore, la libertà e la sincera, paziente collaborazione tra i malati e operatori sanitari.