Home arrow Medicina Anno Zero arrow Capitolo III - La Legge Della Salute
Menu
Home
Biografia
Credits
News Salute
Indice
Link
Cerca
English
Pubblicazioni

Saggio: Gli Stress Psichici Causa Di Tutte Le Malattie 1970

Libro: Medicina Anno Zero 1983

Periodico: La Medicina Dell'Avvenire 1980-1988

Stampa

 
Hanno scritto di lui

English

english_medicina.jpg 

Biography
Psychic Stress The Cause of all Diseases 1970

Partners
Scuola Interiore
Canti Popolari

Capitolo III - La Legge Della Salute
Indice articoli
Capitolo III - La Legge Della Salute
Fattori psichici negativi, le infelicita patogene
Medicina Psicosomatica
Studi e osservazioni sul Placebo
Effetti provocati dall ipnosi, per quanto riguarda la cura degli ammalati
Le cento branche dell Altra Medicina
I fattori psichici positivi guariscono dalle malattie
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Dopo quanto esposto in queste pagine, per esigenza di spazio molto succintamente; in base alla vasta letteratura sulla psicosomatica, sull'ipnosi, sui miracoli e sui guaritori; ma più ancora in conseguenza dei risultati eccezionali conseguiti dallo scrivente e da altri a mezzo dell'ipnoterapia, ritengo di poter fare le seguenti affermazioni:

1) Il quid misterioso (fede, supposto intervento divino, fluidi, energia bioradiante, prana della dottrina yoga, energia cosmica, ecc.) che provoca le guarigioni eccezionali e miracolose, non è altro che la nostra stessa psiche, la fiducia, la profonda e intensa autosuggestione del malato che produce nel proprio organismo una riattivazione di tutte le cellule, un riequilibrio delle catecolamine, degli ormoni, degli enzimi e del chimismo di tutto l'organismo che, accelerando e riattivando i processi di difesa organica, tutte le funzioni, elimina le cellule e le parti malate, le sostanze tossiche, i germi infettivi, ecc., arrivando al rapido miglioramento e talora alla completa guarigione.
Anche se si dovesse ammettere e perfino dimostrare con apparecchi l'esistenza di fluidi, di radiazioni ed energie sconosciute, quasi sicuramente tutte queste «forze», o sono originate e prodotte dalla stessa nostra mente, ovvero, qualunque ne sia la natura e la provenienza, agiscono influenzando la psiche del malato, la quale è, in definitiva, la sola capace di operare la guarigione.
Siccome sono sempre (secondo la Legge della Salute) i fattori psichici negativi a provocare le malattie, sono necessariamente i fattori psichici positivi a guarirle. Ciò dico in perfetta concordanza con F. Antonelli che afferma, come si è detto precedentemente, che «le capacità della psiche sono pressoché inesauribili». Anche Alexis Carrel disse che «alcune attività spirituali, come la preghiera, possono accompagnarsi con modificazioni dei tessuti e degli organi» e quindi operare la guarigione.

11 Prof. Zanini della Clinica Mediterranea di Napoli, che aveva operato, curato e seguito Suor Caterina Capitani, miracolata di Papa Giovanni, in un'intervista («Gente» N. 14 del 1971) ebbe a dire tra l'altro: «Ebbene, io dico che se l'autosuggestione di questa donna è riuscita a provocare un mutamento così radicale, così brusco, immediato nella sua situazione fisica, allora questa autosuggestione è un fatto prodigioso che non trova nessuna spiegazione in nessun settore della scienza e della medicina
Si può ben rispondere che questo fatto prodigioso trova, però, la sua precisa spiegazione, chiara e scientifica, nell'ipnosi cui studio e la cui pratica sono stati esclusi dal sacro tempio della medicina tradizionale.

2) Con l'ipnoterapia, se praticata con competenza e larghezze con tutti i mezzi e gli accorgimenti ora possibili, si possono ottenere tutte, nessuna esclusa, le guarigioni prodigiose, eccezionali e miracolose che si verificano ad opera di santi e di guaritori, compresa la regressione del cancro.
Anche tutti gli effetti curativi vantati dalle altre terapie eretiche o ai margini della medicina si possono ottenere in maniera i rapida, più completa e con effetti più duraturi, con l'ipnosi.
La sofrologia e il training autogeno sono da considerare delle forme attenuate di ipnosi. Con tali tecniche, sicuramente innocue, efficacissime e tra le più razionali di tutta la medicina, si può arrivare, protraendo a lungo il trattamento, agli stessi risultati o quasi, dell'ipnoterapia. Molti pazienti possono, anche col training e la sofrologia, arrivare a una trance molto profonda. Coi del resto anche nell'ipnosi si ottengono ottimi risultati anche trance leggera. D'altra parte è noto che anche nell'ipnosi profonda; il paziente mantiene un notevole stato di coscienza.
Sono fermamente convinto che anche nelle varie terapie non ortodosse (agopuntura, omeopatia, osteopatia, chiropratica, cristian science, naturopatia, yoga, ecc.) le cui modalità sono ignote o incerte o non chiarite scientificamente, gli effetti curati spesso ben evidenti e documentati, sono dovuti alla psiche; ed è dovuta proprio all'autosuggestione la loro indubbia validità.

3) Ritengo perciò indispensabile e urgente che la medicina ufficiale italiana, come è già avvenuto in altre nazioni molto più aperte a questi problemi, rivolga la propria attenzione anche alla medicina psicosomatica, all'ipnoterapia e a tanti altri analoghi
metodi di cura tenuti oggi ai margini dell'arte medica, pur avendo la capacità di contribuire in modo rilevante ad alleviare le sofferenze umane.

Non passerà molto tempo che tali terapie «eretiche», tutte prevalentemente psicoterapie, costituiranno l'ossatura; l'elemento fondamentale della scienza e delle pratiche mediche. Anche un certo numero di veri guaritori, che dimostrano di avere spiccate capacità guaritrici, dovrebbero poter collaborare con la medicina ortodossa.
Ma fino a quando l'ipnoterapia e altre tecniche psicologiche ugualmente efficaci, non siano potenziate nei metodi e vengano tanto diffuse da poter soddisfare ogni richiesta e ogni necessità, non si potrà eliminare l'opera, talora deprecabile, dei guaritori, che oggi rispondono ad una impellente necessità. Anche i guaritori rimediano, sia pure in minima parte; alla spersonalizzazione e disumanizzazione della medicina e alla sua impossibilità di dare un pò di calore e di affetto, in luogo dell'ormai dissueto rapporto di fiducia medico-malato, senza il quale è inefficace qualunque cura.
Il potere della nostra mente — Alcune decine di anni fa mi era venuto in mente di scrivere un racconto, da intitolare «L'inconscio onnipotente», portando alle estreme conseguenze e alle massime possibilità i fenomeni paranormali che a mio parere e secondo molti studiosi dell'argomento, sono provocati e creati dalla potenza del nostro spirito, dal nostro inconscio. Sono passati molti anni e le convinzioni di allora non si sono modificate, pur avendo potuto sperimentare solo una minima parte di quanto il nostro spirito può, in senso favorevole o sfavorevole, sui nostri organi e sui nostri pensieri. Forse anche sugli esseri viventi che ci circondano: uomini, animali e piante.
Perché dunque si dovrebbe considerare assurda la tesi sostenuta con la Legge della Salute? Perché si debbono considerare miracolose certe guarigioni eccezionali che frequentemente si verificano con la fede religiosa (di qualunque credenza), con l'ipnosi o ad opera di qualche guaritore eccezionale e che sembrano non obbedire alle normali leggi della fisiologia e della fisica?
Il difetto sta solo nella scienza, che ha rivolto la propria attenzione ai fenomeni fisici e chimici e ad altri fatti esterni alla nostra mente, mentre ha trascurato e continua a trascurare la scienza dell'uomo e della sua mente.
Quando finalmente si deciderà ad esaminare a fondo la Legge della Salute in tutti i suoi aspetti e risvolti, controllando, con gli strumenti oggi a disposizione, gli effetti positivi e negativi che la fiducia e il pessimismo, l'allegria e la tristezza, le suggestioni positive e negative, producono sulle cellule, sul chimismo degli organi, delle ghiandole e dei tessuti, anche la Scienza medica (finalmente degna della S maiuscola) dovrà riconoscere che la salute e la malattia sono sempre determinate dalla nostra mente, ossia dal nostro inconscio onnipotente.
Nel rileggere questo capitolo, e ripensando che, personalmente mi sono imbattuto ed interessato alla medicina psicosomatica solo a partire dal 1970, cioè quando avevo già 64 anni di età e più di 30 anni di intensa attività come medico condotto e generico, ho meditato spesso sulla costante tenacia con cui le strutture mediche si sono sempre adoprate (e di fatto ci sono finora riuscite) a escludere rigorosamente dagli studi e dalla pratica medica i problemi delle cause psichiche delle malattie, come se tali questioni non avessero alcuna rilevanza per la salute umana.
Tale regola di comportamento, raramente infranta, si spiega (anche se non si può affatto giustificare) riflettendo che le tesi della medicina psicosomatica e ancor più quelle più estremiste della Legge della Salute hanno un tale contenuto innovatore che, ( se fossero riconosciute vere ( come lo sono sicuramente), imporrebbero tante e tali modifiche in tutti i campi della medicina ( e persino nel vivere civile) da costituire una vera e propria rivoluzione.
Imporrebbe infatti un capovolgimento dei principi stessi su cui si basa l'odierna organizzazione sanitaria, la preparazione dei medici, la ricerca, l'indiscriminata produzione dei farmaci.
In particolare la Legge della Salute è come una grossa bomba innescata capace di provocare, nell'arte medica e in tutta l'organizzazione della società, un tale terremoto, un tale sconvolgimento che nessuno ha il coraggio di accenderne la miccia.
Ci si chiede tuttavia, con un'amara perplessità, se è giusto continuare con l'inganno di una mastodontica e mostruosa macchina sanitaria che assorbe una grande percentuale delle risorse mondiali che solo in minima parte vanno a sollievo agli ammalati.
Sono del parere che la verità, che è sempre rivoluzionaria specie se di enorme e indiscutibile beneficio per l'umanità, deve essere portata avanti a qualunque costo e il più presto possibile, anche se può richiedere un enorme impegno e, per molti, notevoli sacrifici e rinunce.